Prurito anale

Che cos’è il prurito anale?

Il prurito anale è un senso di pizzicore avvertito a livello dell’ano e dell’area a questo circostante. La sensazione di prurito può essere più o meno intensa a seconda della causa che ne è alla base.

 

Quali altri sintomi possono essere associati al prurito anale?

Il prurito anale in genere si accompagna a dolore o irritazione anale, sintomi che tendono ad acuirsi al momento della defecazione.

 

Quali sono le cause del prurito anale?

Il prurito anale può avere numerose cause, riconducibili per lo più a disturbi o patologie legate al retto o all’apparato digerente, o in casi estremi, a neoplasie: ascesso perianale, clamidia, condilomi, emorroidi, fistole, ragadi anali, sindrome dell’intestino irritabile, stitichezza, tumore del colon-retto, tumore dell’ano.

 

Quali sono i rimedi contro il prurito anale?

Per curare il prurito anale occorre individuare e intervenire sulla causa che ne è alla base.

In generale, sotto stretta indicazione medica, possono essere utilizzati farmaci sotto forma di pomata con effetti antinfiammatori, antibatterici, antimicotici e anestetici.

Utile può anche essere intervenire sull’alimentazione, con eliminazione dei cibi troppo piccanti e speziati e degli alcolici, diminuzione del consumo di caffè e aumento dell’assunzione di acqua e fibre.

 

Prurito anale, quando rivolgersi al proprio medico?

Una situazione di prurito anale deve essere sottoposta all’attenzione del proprio medico quando non accenna a diminuire nel giro di pochi giorni o quando la si registra in presenza di una delle patologie che possono essere a essa associata (sopra elencate).

 

Area medica di riferimento per il prurito anale

In Humanitas Gavazzeni Bergamo l’area medica di riferimento per il prurito anale è l’Unità Operativa di Proctologia e Pelviperineologia.