Mal di testa

Che cos’è il mal di testa?

Il mal di testa, o cefalea, è un dolore che si sviluppa nell’ambito della testa, colpendola tutta o solo in parte. Può avere varia natura e intensità e può manifestarsi in modo cronico, con una certa frequenza, o episodico.

Spesso si accompagna a un fastidio per luci e suoni e ad altri sintomi come nausea, vomito, raffreddore, lacrimazione.

 

Quali sono le cause del mal di testa?

Il mal di testa oltre a essere un sintomo può essere una vera e propria malattia quando si tratta di cefalee primarie o essenziali.

È invece “secondario” o “sintomatico” quando dipende da diverse patologie cerebrali o di altra natura, tra cui sono ricomprese: allergie respiratorie, ambliopia, apnee notturne, artrosi cervicale, astigmatismo, aterosclerosi, bruxismo, cheratocono, colite, gastroenterite, glaucoma, ictus, insufficienza renale, intolleranze alimentari, intossicazione da monossido di carbonio, ipermetropia, ipertensione, leucemia, meningite, miopia, mononucleosi, otite, parotite, polmonite, presbiopia, rinite, rosolia, scarlattina, sifilide, sinusite, strabismo, toxoplasmosi, tumori cerebrali, varicella, vene varicose.

 

Quali sono i rimedi contro il mal di testa?

Se il mal di testa è derivato dalla presenza di patologie diagnosticate occorre agire sulle stesse patologie d’origine.

Se il mal di testa è invece di tipo primario o essenziale, cioè è una vera e propria malattia, prima di scegliere i rimedi farmacologici in grado di far cessare il dolore bisogna considerare i fattori che lo accompagnano come i sintomi, la frequenza, la tipologia e i fattori scatenanti del mal di testa. In ogni caso la prima cura del mal di testa è il riposo.

 

Mal di testa, quando rivolgersi al proprio medico?

Bisogna rivolgersi al medico quando il mal di testa si manifesta con un’alta frequenza, è particolarmente intenso o non accenna a diminuire nel tempo.

Il medico deve essere inoltre consultato quando il mal di testa è chiara conseguenza di un forte trauma subito o quando è associato a una patologia già in precedenza diagnosticata.