Aprassia

Che cos’è l’aprassia?

Con il termine aprassia si indica un disturbo neuropsicologico che provoca – senza che vi sia paralisi, demenza o atassia – una difficoltà se non un’impossibilità di eseguire movimenti volontari.

La persona colpita da questo disturbo non è in grado, nella maggior parte dei casi, di riconoscere da sé l’esistenza del problema.

 

Quali sono le cause dell’aprassia?

L’aprassia può essere conseguenza di un forte trauma o della presenza di varie patologie, tra le quali ci sono: Alzheimer, lesioni cerebrovascolari, lesioni del corpo calloso, morbo di Parkinson.

 

Quali sono i rimedi contro l’aprassia?

L’aprassia è in genere una patologia invalidante, ma esistono forme più lievi che possono risolversi in via spontanea.

Nel caso in cui non si risolva da sé, la terapia è di tipo riabilitativo ed è affidata a figure specifiche come i terapisti fisici o occupazionali o come i logopedisti.

Non è finora stata individuata una cura farmacologica in grado di intervenire in modo efficace sull’aprassia.

 

Aprassia, quando rivolgersi al proprio medico?

Una situazione di aprassia deve essere sottoposta all’attenzione del medico di fiducia quando si è in presenza di un forte trauma o di una delle patologie che possono essere associate a questo disturbo (vedi elenco sopra).

 

Area medica di riferimento per l’aprassia

In Humanitas Gavazzeni Bergamo si occupa di aprassia l’Unità Operativa di Neurologia.