Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Osteoporosi

Pubblicato in Screening e patologie


Come si può prevenire l’osteoroposi

La diagnosi precoce dell’osteoporosi è molto difficile, in quanto questa patologia non è sintomatica e il più delle volte viene scoperta solo dopo la prima frattura ossea che, di solito, riguarda il femore, le vertebre o i polsi.

 

Prevenire l'osteoporosi è possibile iniziando fin dalla giovane età a rafforzare la massa ossea che tende a potenziarsi in modo naturale fino ai 26/29 anni ma che poi necessita di un’azione di mantenimento protratto nel tempo.

 

Per farlo è bene tenere sotto controllo il proprio peso e assicurare il giusto apporto alimentare di calcio a partire già da tutta l’età evolutiva, oltre a evitare la sedentarietà che è la grande nemica della robustezza delle ossa. Da non dimenticare è anche l’apporto di vitamina D che può essere garantita da una moderata esposizione al sole, circa 30 minuti al giorno.

 

Una serie di attenzioni che non devono venire a mancare nemmeno dopo la menopausa o, per gli uomini, in età avanzata, quando l’attività fisica ha la duplice funzione di rafforzare le ossa e rassodare la muscolatura così da prevenire pericolose cadute. Dopo la menopausa e nell’anziano, praticare attività fisica serve ad agire sulla massa ossea, con un rallentamento della perdita ossea, e a migliorare il trofismo muscolare con una conseguente riduzione delle cadute e delle fratture in caso di fragilità ossea.

 

È necessario tenere sotto controllo il peso corporeo con una dieta adeguata evitando sia il sovrappeso sia la magrezza eccessiva. Va garantita un’adeguata assunzione alimentare di vitamina D e naturalmente vanno eliminati fumo e alcolici.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.