Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

News

Stampa

Obesità e iper-produzione di insulina

il . Pubblicato in Patologie e disturbi

Tra gli ormoni che risentono delle alterazioni metaboliche proprie dell’obesità, particolare attenzione merita l’insulina. Il compito di questa sostanza, emessa dal pancreas, è regolare i livelli sanguigni di glucosio, favorendo l’ingresso di questo nelle cellule, così che possa essere utilizzato come carburante per lo svolgimento di tutti i processi metabolici.

 

Stampa

Obesità e diabete

il . Pubblicato in Patologie e disturbi

E’ un rapporto molto stretto quello che lega queste due malattie al punto che da qualche anno si parla di “diabesità”, una parola che accomuna le due patologie in un’unica malattia.

Stampa

La psoriasi, problema della pelle che non va sottovalutato

il . Pubblicato in Salute


La psoriasi è una delle malattie della pelle più diffuse. Si tratta della condizione per cui la pelle si ispessisce che colpisce soprattutto le parti poste in corrispondenza delle grandi giunture, della testa e di alcune zone della schiena. Ne parliamo con la dottoressa Marzia Baldi, responsabile dell’Ambulatorio di Dermatologia di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Che cos’è la psoriasi e chi colpisce in particolare?

«La psoriasi è una malattia infiammatoria della pelle. Non è né infettiva né contagiosa, di solito è di carattere cronico e tende a ripresentarsi. Nella sua formazione intervengono fattori autoimmunitari, genetici e ambientali. Lo sviluppo della psoriasi è molto frequente: sono circa un milione e mezzo gli italiani che ne sono affetti. Nella sua forma più severa, che riguarda circa il 10% dei casi, oltre a generare conseguenze negative sulla salute psicofisica, può rappresentare anche un fattore di rischio cardiovascolare. Nell’adulto la malattia colpisce con eguale frequenza maschi e femmine. Tra i più piccoli, invece, le bambine sembrano essere affette con frequenza doppia rispetto ai maschi».

Quali parti del corpo sono interessate dalla formazione di psoriasi?

«La psoriasi si manifesta attraverso la comparsa di chiazze di pelle ispessite, arrossate e infiammate, spesso coperte da squame bianco-argentee. In genere non causa prurito, ma la sua presenza può causare al malato un grave disagio fisico e un certo imbarazzo nei rapporti con gli altri. Nelle forme più lievi ci possono essere leggere desquamazioni a livello di gomiti, ginocchia e cuoio capelluto (dove spesso viene scambiata per forfora). Può inoltre colpire le mani e i piedi con piccole vescicole e pustole che, rompendosi, si trasformano in piccoli tagli. Anche questa forma clinica di psoriasi può essere scambiata per una dermatite irritativa o per una micosi. La psoriasi inoltre può colpire frequentemente le unghie, soprattutto dei piedi, facebdole diventare fragili, spesse e di diverso colore. Anche in questo caso spesso si attribuisce l’origine del problema ad altro, nello specifico a una carenza alimentare o a una micosi. È per questo che la psoriasi viene anche chiamata la “grande imitatrice”. Infine, ci sono, forme più gravi di psoriasi che provocano un intenso arrossamento su tutta la pelle del corpo (psoriasi eritrodermica) o un'infiammazione accompagnata da gonfiore delle le articolazioni (artrite psoriasica)».

Come può essere curata la psoriasi?

«Non esiste una vera e propria cura risolutiva per la psoriasi. Possiamo però tenerla sotto controllo con opportune terapie. Si sa ad esempio che i raggi ultravioletti del sole hanno la capacità di deprimere la crescita dei cheratinociti, le cellule dell'epidermide responsabili della formazione della psoriasi, e quindi di far sparire le chiazze sulla pelle, almeno fino a quando ci si espone ai raggi solari. Per curare la psoriasi ogg si utilizzano i farmaci biologici, ottenuti attraverso tecniche di ingegneria genetica. Si tratta di anticorpi che riescono a bloccare una o più attività delle cellule, con una precisione e una specificità che i farmaci del passato non avevano».

La psoriasi può essere curata in casa? Ci sono saponi o shampoo in grado debellare questa malattia?

«Dipende dal quadro clinico. Le forme lievi di psoriasi possono essere curate con terapie domiciliari di tipo topico, cioè con applicazione diretta sulla pelle. Per le forme più gravi, invece, è necessaria una terapia sistemica sia essa immunomodulante, cioè in grado di incidere sul sistema immunitario, sia biologica. Per quanto riguarda i saponi e gli shampoo che si trovano in commercio, possono aiutare nei casi lievi di psoriasi ma ben poco possono fare nelle forme generalizzate; anzi, in queste forme, sono da considerarsi del tutto inutili».

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.