Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

News

Stampa

Caldo e circolazione delle gambe: i percorsi di prevenzione e cura di Humanitas Gavazzeni

il . Pubblicato in Cure e trattamenti


Il caldo non è un toccasana per la circolazione delle nostre gambe. In particolare non lo è per le donne che soffrono più degli uomini, 7 su 10, a causa del sistema ormonale che predispone ad alterazioni del circolo venoso che possono causare una vera e propria insufficienza venosa.

 

Gambe gonfie, pesanti, vene dolenti, crampi notturni sono i fastidiosi sintomi che si fanno maggiormente sentire d’estate; e se una vita sana dal punto di vista alimentare e attiva dal punto di vista fisico possono aiutare a contrastarli, di certo quando questi sintomi diventano importanti la cosa migliore per risolverli è rivolgersi a uno specialista.

 

Per rispondere a queste esigenze di salute Humanitas Gavazzeni ha attivato, nell’ambito della chirurgia vascolare, in regime istituzionale, tre percorsi di prevenzione e cura dedicati alle patologie arteriose e venose.

 

Circolazione delle gambe: i percorsi di prevenzione vascolare

In una sola giornata si può effettuare una visita specialistica e l’esame ecocolordoppler, così da avere subito dal medico una valutazione del proprio problema; nel caso di criticità, sarà possibile fare ulteriori approfondimenti diagnostici e eventuali trattamenti chirurgici. I percorsi di prevenzione vascolare sono strutturati in un percorso di prevenzione di base e in due percorsi per familiarità di patologia. Per quanto riguarda la prevenzione di base, il percorso si rivolge a quanti manifestano sintomi di gonfiore, pesantezza, crampi soprattutto notturni, sindrome della cosiddetta “gamba irrequieta”, vene varicose. Lo specialista effettuerà una visita e un esame strumentale dell’arto/degli arti inferiori con ecocolordoppler per valutare le cause del problema, definire la patologia e impostare la terapia di cura.

 

Per quanto riguarda invece i percorsi di prevenzione per familiarità, uno è indirizzato a persone sopra i 50 anni che hanno una familiarità per incidenti tronchi sovraortici (carotidi, ictus, trombosi cerebrale) e l’altro alla patologia dilatativa aneurismatica (aneurisma dell’aorta, aorta toracica addominale e arti inferiori); in base all’esito lo specialista consiglierà i necessari approfondimenti diagnostici, la cadenza dei successivi controlli di prevenzione o l’eventuale trattamento chirurgico.

 

Safena e vene varicose, interventi chirurgici sempre meno invasivi

«Oggi gli interventi chirurgici sono sempre meno invasivi e si effettuato in day surgery – spiega il dottor Marco Setti, responsabile della Chirurgia Vascolare di Humanitas Gavazzeni –. La safena è la vena principale su cui si interviene con diversi trattamenti (laser, radiofrequenza) che vengono selezionati a seconda delle condizioni anatomiche del singolo paziente. Ci sono poi i trattamenti sclerosanti per vene varicose di piccolo calibro e capillari, successivi e complementari a un atto chirurgico che, solitamente, si eseguono lontano dal periodo estivo per evitare che il sole diminuisca l’effetto della terapia».

 

 Articolo pubblicato il 19 luglio 2015 sul quotidiano "Eco di Bergamo".

 

 

Stampa

Il latte, alimento sano e nutriente

il . Pubblicato in Cure e trattamenti



Il latte è un alimento nutriente e completo, ideale per tutte le età ma soprattutto per bambini e anziani. Le sue proprietà nutrizionali sono note e per chi soffre di intolleranza al lattosio c'è quello "ad alta digeribilità".

 

Da sempre il latte è considerato un alimento sano, nutriente e fortificante. Il suo consumo, sotto varie forme, è alla base della nostra alimentazione, che trae beneficio dal fatto che si tratta di una alimento completo, ricco di elementi positivi, adatto a tutti e particolarmente indicato per anziani e bambini. Ne parliamo con la dottoressa Sabrina Oggionni, dietista di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

Perché il latte è importante per la nostra alimentazione?

«Il latte, insieme ai suoi derivati hanno un prezioso valore nutritivo, perché apporta una buona quantità di calcio, fondamentale per rafforzare le ossa del nostro organismo. È inoltre ricco di proteine, zuccheri e altri sali minerali che, insieme, rappresentano un valido alleato soprattutto per la crescita del bambino. Un buon bicchiere di latte, uno yogurt o un cono di gelato sono infatti sicuramente più nutrienti e sani di snack o merendine».

Tra il latte vaccino e quello di capra, qual è il più indicato per una corretta alimentazione?

«A livello nutrizionale non esistono significative differenze tra il latte vaccino e quello di capra. Entrambi possono rientrare tranquillamente in una dieta sana ed equilibrata, tenendo sempre presente che contengono il lattosio, l’elemento che crea intolleranza a molte persone».

Per chi soffre di intolleranze, quali sono gli alimenti sostitutivi del latte e dei suoi derivati?

«Gli alimenti sostitutivi del latte e dei suoi derivati possono essere di diverso tipo. Per chi soffre di intolleranza al lattosio esistono in commercio confezioni di latte ad "alta digeribilità", in cui il lattosio è stato "pre-digerito" e quindi è reso innocuo. Per chi è allergico al latte e non vuole rinunciare al calcio sono a disposizione acque ricche in calcio, latte di riso e di soia arricchiti di calcio e molte verdure. Le proteine del latte, invece, si possono assumere in altri alimenti di origine animale come: carne, pesce, uova, oppure dai legumi, tra cui anche la soia».

Stampa

Il 12 maggio in Humanitas Gavazzeni congresso sui nuovi farmaci anticoagulanti orali

il . Pubblicato in Cure e trattamenti


I nuovi farmaci anticoagulanti orali sono al centro del corso in programma giovedì 12 maggio 2016 in Humanitas Gavazzeni Bergamo, presso l’Auditorium di Villa Elios.

 

Il convegno, il cui responsabile scientifico è il dottor Giosuè Mascioli, responsabile dell’Unità Operativa Elettrofisiologia I di Humanitas Gavazzeni è gratuito e accreditato ECM per Medici di Medicina Generale e Medici Specialisti.

Il contenuto del congresso

L’uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali (NAO) è sempre più diffuso nella pratica clinica. Tra le ipotesi più accreditate c’è anche quella che questi farmaci possano essere utilizzati, nell’immediato futuro, in situazioni particolari, come quelle relative a pazienti oncologici, con insufficienza renale, in terapia con doppio antiaggregante, ecc.

 

L'incontro si pone l’obiettivo di analizzare i possibili sviluppi di utilizzo dei NAO, senza tralasciare le problematiche e i punti interrogativi che derivano dall’uso di questi farmaci, così da fornire informazioni utili per la gestione dei pazienti nella pratica quotidiana.

 

Il corso, il cui inizio è fissato per le ore 17 e 30 vedrà la partecipazione, tra gli altri, di specialisti di Humanitas Gavazzeni:

  • Antonino Pitì, Responsabile del Dipartimento Cardiovascolare, con il ruolo di moderatore
  • Elena Lucca, UO Elettrofisiologia I, che tratterà l’argomento “NAO e insufficienza renale: davvero così più pericoloso che Warfarin e insufficienza renale”
  • Guido Belli, UO Emodinamica, che tratterà l’argomento “Doppia antiaggregazione e NAO: profili di sicurezza nei pazienti sottoposti a PTCA"
  • Giosuè Mascioli, UO Elettrofisiologia I e responsabile scientifico del convegno, che tratterà l’argomento “NAI in pazienti con patologie tumorali”.

 

In chiusura è prevista una tavola rotonda dal titolo “Siamo passati da quali pazienti trattare con i NAO a quali pazienti continuare a trattare con i Warfarin” seguita da relativa discussione.

 

Iscrizione al congresso e informazioni

La partecipazione al congresso è gratuita ma è richiesto l’invio della scheda di adesione attraverso una delle seguenti modalità:

  1. compilando la scheda di adesione online su www.humanitasedu.it
  2. inviando la scheda di adesione (qui sotto allegata) via e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  3. inviando la scheda di adesione (qui sotto allegata) via fax al numero 035 4204919.

 

Per ulteriori informazioni è possibile contattare la segreteria organizzativa:

Formazione ECM – Humanitas Gavazzeni

Tel. 035 4204787 – Fax 035 420 4919

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.