Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

29 Settembre 2017, Giornata Mondiale del Cuore

Pubblicato in L'Ospedale


Locandina Cuore - 29 settembre 2017Anche quest’anno Humanitas Gavazzeni aderisce alla Giornata Mondiale del Cuore in programma il 29 settembre. L’obiettivo è sensibilizzare cittadini e pazienti il pubblico sul tema della prevenzione delle patologie cardiovascolari.

 

Due le iniziative organizzate in ospedale nella mattinata di venerdì 29 settembre, in collaborazione con l'Associazione Cuore Batticuore:

• dalle 9 alle 12, verrà allestito uno stand presso la Reception principale dell’ospedale, dove le persone interessate potranno effettuare gratuitamente la misurazione della pressione e del colesterolo e avere un consulto gratuito con un cardiologo. L’accesso è libero, senza prenotazione.

• dalle 9 alle 10.30, nell’Auditorium di Villa Elios, si terrà un incontro a cura di Bruno Passaretti, cardiologo, responsabile dell’Unità operativa di Riabilitazione di Humanitas Gavazzeni, dal titolo “Prendiamoci cura del nostro cuore. L’infarto e come evitarlo attraverso un’alimentazione e stili di vita corretti sin dalla giovane età”, a cui parteciperanno alcune classi delle scuole superiori. L’evento è aperto anche al pubblico. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.

 

L’importanza della prevenzione nelle patologie cardiovascolari

La prevenzione è elemento fondamentale nella lotta alle patologie cardiovascolari, in particolar modo la prevenzione primaria.

«Lo scoglio più difficile da superare – dice Antonino Pitì, responsabile del Dipartimento cardiovascolare e della Cardiologia di Humanitas Gavazzeni – è far capire a persone che non hanno sintomi che possono ammalarsi. Per questo sono importanti gli esami di controllo per gli uomini tra i 40 e i 50 anni e le donne dopo la menopausa. Capire con un prelievo del sangue o la misurazione della pressione che ci sono dei fattori di rischio porta spesso a cambiare le proprie abitudini verso uno stile di vita più sano. E i benefici sono accertati: smettere di fumare riduce il rischio di patologie cardiovascolari e di alcune forme tumorali mentre una corretta educazione alimentare, fondamentale sin da bambini, aiuta a combattere l’ipercolesterolemia, la principale causa dell’aterosclerosi».

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.