Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

12 maggio 2017, Giornata Internazionale dell'Infermiere

Pubblicato in L'Ospedale


Il 12 maggio è la Giornata internazionale dell’Infermiere.

 

Humanitas Gavazzeni Bergamo celebra questa ricorrenza nella giornata di venerdì 12 maggio 2017, con un piccolo dono a tutti i suoi infermieri e a tutte le altre persone coinvolte nell’assistenza, complessivamente oltre 400.

 

La Giornata Internazionale dell’Infermiere ha origini lontane: è stata istituita in ricordo di Florence Nightingale, nata il 12 maggio del 1820 a Firenze, la fondatrice dell'assistenza infermieristica moderna.

 

L’infermiere è figura fondamentale del Sistema Sanitario, è una risorsa per la società, cura e assiste le persone supportando i loro familiari. Si occupa di prevenzione, cura, assistenza, riabilitazione, educazione, formazione, ricerca e organizzazione.

 

Florence Nightingale diceva: «L'assistenza è un'arte e se deve essere realizzata come un'arte, richiede una devozione totale e una dura preparazione, come per qualunque opera di pittore o scultore, con la differenza che non si ha a che fare con una tela o un gelido marmo, ma con il corpo umano. È una delle Belle Arti. Anzi, la più bella delle Arti».

 

«L’assistenza diretta alla persona è il momento più significativo, complesso e importante per ogni infermiere: quello in cui sviluppa gli elementi che lo caratterizzano di fronte ai cittadini e quello in cui, attraverso la presa in carico dei problemi dell’assistito, entra in stretta collaborazione con gli altri professionisti e definisce una risposta peculiare e personalizzata – dice Katia Morstabilini, responsabile dei Servizi Assistenziali di Humanitas Gavazzeni –. Il 12 maggio è diventato l’occasione per far sì che la professione infermieristica “parli un po’ di sé” con i ricoverati negli ospedali, con gli utenti dei servizi territoriali, con gli anziani, con gli altri professionisti della sanità, con i giovani che devono scegliere un lavoro, con tutti coloro insomma che nel corso della propria vita hanno incontrato o incontreranno “un infermiere».

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.