Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Manganese

Pubblicato in Minerali


Che cos'è il manganese?

Il manganese è un minerale presente nell'organismo in piccolissime quantità nell'organismo umano – e per questo chiamato anche "microelemento" o "microcostituente" – ma essenziale per lo svolgimento di diverse funzioni.

 

È contenuto nel nostro organismo in un massimo di 20 mg, che risultano concentrati soprattutto in reni, pancreas, fegato e ossa. Nell'organismo umano svolge ruoli molto importanti. Il suo simbolo chimico è Mn.


A che cosa serve il manganese?

Il manganese è un componente di un enzima dall'attività antiossidante in grado di neutralizzare l'attività dei radicali liberi potenzialmente dannosi per la salute. La sua presenza è inoltre indispensabile all’attività di alcuni enzimi (ad esempio la fosfatasi alcalina e l'arginasi) ed è necessaria per il normale sviluppo di ossa e tendini. Inoltre è importante per il funzionamento del cervello e del resto del sistema nervoso.

 

In terapia il manganese viene impiegato, soprattutto come permanganato, per le sue proprietà germicide.


In quali alimenti è presente il manganese?

Il manganese è un elemento oligodinamico presente soprattutto negli alimenti di origine vegetale. In particolare i cibi più ricchi di manganese sono i vegetali a foglia verde, il riso integrale, il cocco, le mandorle e le nocciole. Discrete quantità sono inoltre presenti in diversi tipi di frutta - lamponi, fragole e more, ananas e frutti tropicali, banane, fichi e kiwi, uva, frutta secca - e di ortaggi - barbabietola, taccole, crescione, lattuga, spinaci, porri, carote - oltre ad alcune spezie - senape indiana, menta, aglio, chiodi di garofano, curcuma - e ad avena, cereali integrali e tofu.


Qual è il fabbisogno giornaliero di manganese?

Una dose giornaliera raccomandata di manganese non esiste. Nel caso del manganese si parla di "apporto adeguato", ed è considerato tale un apporto di:

  • 3 microgrammi nei bambini fino a 6 mesi di vita;
  • 600 microgrammi dai 7 mesi all'anno;
  • 1,2 mg da 1 a 3 anni;
  • 1,5 mg da 4 a 8 anni.
  • nei maschi, di 1,9 mg da 9 a 13 anni e di 2,2 mg tra i 14 e i 18 anni;
  • nelle ragazze di 1,6 mg dai 9 ai 18 anni.;
  • negli uomini a partire dai 19 anni 2,3 mg;
  • nelle donne 1,8 mg a partire dai 19 anni. L'apporto sale a 2 mg durante la gravidanza e 2,6 mg durante l'allattamento.


Quali conseguenze può determinare la carenza di manganese?

La carenza di manganese può comportare disturbi per la salute anche gravi – soprattutto in caso di carenze importanti e prolungate nel tempo – come infertilità femminile, danni al pancreas, problemi cardiaci e osteoporosi.


Quali conseguenze può determinare l'eccesso di manganese?

L’esposizione continua al manganese è causa di una sindrome simile alla malattia di Parkinson nota con il nome di manganismo. Nei soggetti con problemi al fegato un eccesso di questo minerale può comportare a problemi psichiatrici, tremori e spasmi.


È vero che il manganese aiuta a prevenire l'osteoporosi?

Sebbene sia noto che il manganese riveste un ruolo importante per la crescita e la salute delle ossa, a oggi nessuno studio ha in realtà dimostrato l'efficacia dell'assunzione di questo minerale nella prevenzione dell'osteoporosi.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.