Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Sodio

Pubblicato in Minerali


Che cos'è il sodio?

Insieme con il potassio, il cloro, il calcio, il magnesio, il fosforo e lo zolfo, il sodio è uno dei minerali di cui l'organismo umano necessita in grandi quantità e per questo viene chiamato - insieme agli altri sei minerali - "macrominerale" o "macroelemento".

 

È uno dei minerali più abbondanti nell'organismo: in un adulto ne sono presenti circa 92 grammi e si trova nel sangue, nel tessuto osseo, nei tessuti connettivi e nel tessuto cartilagineo. Il sodio è presente nei tessuti di tutti gli organismi, animali e vegetali, ed è un elemento indispensabile per la vita. Il suo simbolo chimico è Na.


A che cosa serve il sodio?

Nell’organismo umano il sodio svolge un importante ruolo nel mantenimento dell’equilibrio idro-salino, nella regolazione del passaggio di fluidi e dei nutrienti all'interno e all'esterno delle cellule e partecipa alla trasmissione dell'impulso nervoso e al trasporto attivo dei metaboliti. Il sodio presente nelle ossa rappresenta invece una riserva cui l'organismo può attingere in caso di necessità per regolare il PH del sangue.


In quali alimenti è presente il sodio?

Il sodio è naturalmente presente negli alimenti di origine animale (carni rosse e bianche, pesce, latte, uova) mentre i cibi di origine vegetale ne sono più poveri. Nell'alimentazione occidentale odierna la fonte di approvvigionamento maggiore di questo minerale è il sale da cucina che viene aggiunto alle pietanze. Quantità anche molto elevate di sodio si trovano inoltre nei cibi conservati (tra cui salumi e insaccati), ai quali viene aggiunto per aumentarne la conservabilità. 


Qual è il fabbisogno giornaliero di sodio?

L'apporto quotidiano di sodio è compreso tra i 0,6 ed i 3,5 grammi: questa quantità viene facilmente assicurata da una dieta varia e bilanciata, senza la necessità di aggiungere sale ai cibi. 


Quali conseguenze determina la carenza di sodio?

Seguendo una dieta varia e bilanciata è raro registrare casi di carenza di sodio. Quando questo avviene, i sintomi che si riscontrano più frequentemente sono nausea, vomito e anoressia. Nei casi più gravi può portare al coma e risultare fatale.


Quali conseguenze determina un eccesso di sodio?

Il sintomo più caratteristico indotto da un'assunzione eccessiva di sodio è la ritenzione idrica, seguito da un aumento della pressione sanguigna e da tutte le complicazioni cui questo disturbo può dar vita. Dosi eccessive di sodio possono inoltre portare a nausea, vomito, convulsioni, febbre e compromissione dei centri respiratori.

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.