Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sulle nostre campagne promozionali e sull'uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, per farti visualizzare contenuti pubblicitari in linea con le tue preferenze ed esigenze, questo sito usa cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy
Stampa

Vitamina K (naftochinone)

Pubblicato in Enciclopedia medica


Che cos’è la vitamina K

Nota anche con il nome di naftochinone, la vitamina K appartiene al gruppo delle vitamine liposolubili e, in quanto tale, non deve essere assunta di continuo attraverso l'alimentazione: viene infatti immagazzinata nell'organismo e utilizzata a seconda delle necessità.


A che cosa serve la vitamina K?

La vitamina K, o naftochinone, è essenziale per la sintesi epatica della protrombina e di altri fattori della coagulazione del sangue. Inoltre svolge un ruolo importante nell'assicurare la funzionalità delle proteine che formano le ossa e le mantengono in salute.


In quali alimenti è presente la vitamina K?

La vitamina K è presente soprattutto negli ortaggi (pomodori, spinaci, cavoli, cime di rapa), mentre è carente negli alimenti di origine animale (a eccezione del fegato). La vitamina K è prodotta anche dalla nostra flora batterica intestinale.


Qual è il fabbisogno giornaliero di vitamina K?

Nell'uomo il fabbisogno giornaliero di vitamina K, o naftochinone, non è ancora stato esattamente valutato: si ritiene comunque che circa 1 mg al giorno per ogni chilogrammo di peso corporeo sia sufficiente. 


Carenza di vitamina K

La carenza di vitamina K determina propensione alle emorragie poiché è indispensabile per la sintesi epatica della protrombina, della proconvertina e di altre sostanze coinvolte nella coagulazione del sangue. La carenza di vitamina K è evento raro e collegato soprattutto a patologie che impediscono il regolare assorbimento intestinale o a cure antibiotiche prolungate.

 

Un'eventuale carenza di vitamina K provoca inoltre problematiche a carico di ossa e articolazioni con fratture, osteoporosi e diverse forme di artrosi.


Eccesso di vitamina K

Molto raramente negli adulti si registra un eccesso di vitamina K, o naftochinone. In ogni caso i sintomi sono trombosi, vomito, anemia, sudorazione eccessivavampate di calore, senso di oppressione al petto.

 

Nei neonati è più frequente riscontrare un eccesso di vitamina K, o naftochinone, condizione che si verifica quando vengono somministrate dosi troppo alte di integratori vitaminici.


È vero che la vitamina K viene suddivisa in tre gruppi?

Sì. La suddivisione della vitamina K in tre gruppi è dovuta alle diverse origini, nature e funzioni delle vitamine K:

  • la vitamina K1 (nota anche come "fillochinone") è di origine vegetale e partecipa ai processi di coagulazione del sangue;
  • la vitamina K2 (nota anche come "menachinone") è di origine batterica, favorisce l’assorbimento della microflora intestinale ed è fondamentale per il benessere osseo;
  • la vitamina K3 ("Menadione idrosolubile") è di origine sintetica e viene inserita in quei farmaci il cui compito è regolare i meccanismi di coagulazione sanguigna.

 

 

L'OSPEDALE

Ospedale polispecialistico a Bergamo con aree specializzate per la cura di malattie cardiovascolari, tumorali, ortopediche e legate all’obesità con un centro diagnostico all’avanguardia

Campagne di prevenzione

"ComunicAnimare la salute", un innovativo progetto di promozione della salute in collaborazione con Bruno Bozzetto.

L'UNIVERSITA'

Humanitas Gavazzeni pone particolare attenzione verso le attività di didattica, formazione e ricerca.